Pubblicità

Articolo

FIFA 13: novità e immagini di gioco!

Alessandro Licitra

Pubblicato

Dopo l’annuncio ufficiale da parte di Konami del suo PES 2013, EA contrattacca con le prime informazioni su FIFA 13.

Il nuovo simulatore calcistico di Electronic Arts concentra le migliorie sul gameplay e promette di migliorare l’eccezionale esperienza di gioco vista su FIFA 12.

Ma entriamo nel dettaglio e scopriamo cosa ci riserverà EA per l’attesissimo FIFA 13.

First touch control

Cambia il modo di ricevere il pallone. Dimentichiamoci di passaggi e agganci sempre precisi, sicuri e perfetti (e per questo, poco realistici). Lo stop e il controllo saranno condizionati da numerose variabili: posizione, reattività e abilità tecniche del calciatore , più forza, direzione e altezza del pallone. Il realismo ne beneficia: un errore nel controllo della sfera, infatti, potrà favorire l’intervento di un avversario e/o la perdita del pallone.

Un cambiamento così importante nel sistema di controllo avrà certamente un riflesso sulla giocabilità e  sul modo di approcciare e sviluppare l’azione. Anche i videogamer più esperti dovranno impratichirsi con questo nuovo stile di gioco, un po’ alla stregua di quant’è successo in FIFA 12 con il passaggio dalla difesa classica alla difesa tattica.

Attacking IA

È una delle caratteristiche chiave del nuovo FIFA. L’intelligenza artificiale in fase offensiva sarà nettamente migliorata. I giocatori studieranno la posizione dei compagni e la collocazione della difesa avversaria, proveranno a far girare con criterio la palla alla ricerca di spazi e a costruire giocate tentando di aprire la retroguardia avversaria.

Potrebbero interessarti…

PES 2013: le novità!

FIFA 12 vs PES 2012: il confronto finale – Prima parte

FIFA 12 vs PES 2012: il confronto finale – Seconda parte

Inoltre, alcuni attaccanti saranno più abili di altri muovendosi sul filo del fuorigioco, mentre altri giocatori potranno eseguire movimenti tattici intelligenti tentando di aprire varchi per l’inserimento delle ali o dei terzini con maggiore propensione offensiva.

Impact Engine

FIFA 12 ha introdotto il rivoluzionario Player Impact Engine, un nuovo motore in grado di rendere veritieri e credibili gli scontri fisici tra i giocatori. In FIFA 13 l’engine sarà riveduto e corretto: via i bug di funzionamento e dentro tutta una nuova serie di animazioni volte ad accrescere il realismo di gioco.

Il nuovo Impact Engine dovrebbe garantire migliori corpo a corpo tra i giocatori, che potranno aiutarsi maggiormente con spalle e braccia per difendere il pallone o contrastare l’avversario. Nelle azioni in velocità, l’attaccante contrastato o sfiorato durante una serpentina può perdere un po’ di equilibrio, sbilanciarsi o rallentare la sua corsa, con conseguenti riflessi sul proseguimento dell’azione. L’effetto visivo di questi contrasti dovrebbe garantire un realismo dell’azione senza precedenti.

Possiamo legittimamente supporre che la nuova release dell’Impact Engine eviterà, inoltre, alcune surreali (sebbene rare) scene ai limiti della credibilità, come quelle in cui 3 o 4 giocatori cascano incomprensibilmente l’uno addosso all’altro o certi bizzarri contrasti che danno vita a scene esilaranti, come il famoso bacio tra Carroll e Fabianski.

Dribbling

In FIFA è possibile realizzare dribbling dall’alto tasso tecnico. Ma in molti frangenti puoi scartare l’avversario con un semplice e banale cambio di direzione. Ebbene, ciò non sarà più possibile in FIFA 13. EA ha dunque raccolto il feedback critico di molti videogiocatori.

Saranno in compenso introdotte nuove movenze e tocchi vellutati con l’interno o l’esterno del piede: una vera finezza per gli utenti più smaliziati. Alla luce di quanto detto, è intuibile che in FIFA 13 l’abilità tecnica del videogiocatore sarà di importanza fondamentale e farà la differenza nell’uno contro uno.

Calci di punizione tattici

Nei calci di punizione sarà possibile avere fino a 3 giocatori intorno alla palla. Potrai dar vita a nuovi e imprevedibili schemi sui calci piazzati, fingere il tiro e simulare movimenti per ingannare la barriera. Insomma, meno staticità e molta più varietà.

Chi difende, dal canto suo, potrà decidere di aggiungere giocatori alla barriera o imporre a uno di essi di staccarsi per provare a intercettare il tiro sulle punizioni in seconda. Sarà inoltre introdotta la possibilità di avanzare furbescamente la barriera di qualche centimetro. Ma occhio! Se l’arbitro se ne accorge, rischierai il giallo.

Dimensional Imaging

Anche l’occhio vuole la sua parte. L’uso del Dimensional Imaging Software consentirà importanti migliorie grafiche nella modellazione 3D dei volti dei giocatori. Stando ad EA, la loro somiglianza con le controparti reali sarà più accurata e veritiera che mai.

Nostre conclusioni

Gli sforzi di EA sono concentrati sulla giocabilità. Le nuove (e tante!) feature promettono di incidere parecchio (e in positivo) sull’esperienza di gioco. Il rinnovato sistema di controllo del pallone e l’Attacking IA imporranno un modello di gioco diverso, più esigente, e che premierà probabilmente i videogamer con un’abilità tecnica sopra la media.

Non ci sono dubbi sul fatto che FIFA 13 sarà un simulatore duro e puro, e con l’update dell’Impact Engine ci aspettiamo che il realismo raggiunga vette mai viste prima (bug permettendo!).

Credi che EA abbia le carte in regola per mantenere e allungare il gap con PES? Dì la tua!

Potrebbe interessarti anche